Colorimetro

La misura di colore di una piastrella deve essere eseguita secondo UNI EN ISO 10545-16, che prevede l’utilizzo di uno spettrofotometro a riflettanza dotato di sfera di integrazione.
Il colore è una grandezza misurabile mediante uno strumento. Essendo una misura, non ha il carattere di discrezionalità che può avere un semplice confronto visivo, che è profondamente influenzato dall’operatore che lo esegue. La misura può essere eseguita scegliendo diversi illuminanti standardizzati in condizioni quindi sempre ripetibili. Lo strumento fornisce le coordinate colorimetriche secondo lo standard internazionale CIE Lab, le differenze di colore, i gradi di bianco (CIE, E313, Berger, Hunter, Stensby) e di giallo (1925, E313), i valori di DE e DECMC.
Lo strumento in dotazione al Centro Ceramico è portatile, e quindi impiegabile anche in caso in cui non sia possibile spostare il campione (ad esempio contestazioni in edifici).

Caratteristiche tecniche dello strumento

Lo strumento è il modello Mercury 2000, Datacolor (CH) ed è uno spettrofotometro a riflettanza. Lo strumento è dotato di sfera integratrice con geometria diffusa (d/8°) secondo le norme ISO e DIN, dotata di dispositivo per escludere la specularità.
La sorgente luminosa è una lampada allo xenon.


Contatto:
Ing. Barbara Mazzanti – e-mail mazzanti@centroceramico.it
Tel. diretto: 051 0250195

Colorimetro, spettrofotometro a riflettanza


Servizi per l’industria

  • Determinazioni secondo ISO 10545-16:2010:
    • coordinate colorimetriche L, a, b
    • differenze colorimetriche: DLab, DCab, DHab, DECMC
  • Determinazioni secondo ASTM C609-07 e BS 8300:2009:
    • LRV (Light Reflectance Value)
    • Differenze colorimetriche: DLab, Da e Db
  • Omogeneità di una colorazione in un impasto
  • dosaggio di un pigmento attraverso la correlazione fra l’intensità colorimetrica ed il contenuto di pigmento
  • misura dell’indice di bianco, utilizzata in genere per le stoviglie oppure per argille bianche come i caolini.